Servizio Privacy: la videosorveglianza

L’utilizzo di sistemi di videosorveglianza è consentito garantendo i diritti e le libertà fondamentali degli individui e rispettando le disposizioni generali in tema di protezione dei dati personali.

Il Garante a tal proposito interviene con il provvedimento del 8 aprile 2010 in materia di Videosorveglianza, in cui richiama principi generali e illustra le prescrizioni relative a tali sistemi.

Il trattamento dei dati attraverso sistemi di videosorveglianza è infatti possibile solo se fondato su presupposti di liceità, necessità, proporzionalità e finalità e a seguito dell’adozione di idonee misure di sicurezza previste dalla normativa

(informative, individuazione soggetti preposti al trattamento, misure tecniche ed organizzative per l’accesso e la conservazione delle immagini, etc.).

    In linea di principio per poter installare un impianto di videosorveglianza sul posto di lavoro bisogna:

  • che ci sia un reale e corretta giustificazione avente come fine la tutela del patrimonio aziendale o la sicurezza del personale.

  • ottenere preventivamente un accordo con le rappresentanze sindacali aziendali (RSA) o in mancanza delle quali occorre richiedere l’autorizzazione alla DTL (Direzione Territoriale del Lavoro)

  • informare i lavoratori interessati fornendo loro l’opportuna informativa privacy

  • nominare un responsabile alla gestione dei dati registrati;

  • affiggere dei cartelli visibili in prossimità di ogni telecamera che avvertano tutti della presenza dell’impianto di videosiorveglianza

  • conservare le immagini per un tempo massimo di 24-48 ore

  • La nostra consulenza operativa per predisporre un corretto Pianno di Videosorveglianza, viene attuata attraverso la produzione di tutta la documentazione necessaria per essere in regola con gli obblighi di legge evitando sanzioni amministrative, civili e penali previste in materia.